HClinic, Physical & Dental Health.
HClinic, Physical & Dental Health.

Osteoporosi: come prevenire

Per osteoporosi si intende una malattia metabolica che, a lungo andare, comporta una progressiva perdita di massa ossea, compromettendo l’architettura scheletrica e causando un indebolimento delle ossa.

L’osteoporosi consiste in una malattia cronica, che può scaturire da diversi fattori. Di norma, la formazione e il riassorbimento del tessuto osseo sono due processi strettamente collegati tra loro: cellule specifiche, chiamate osteoclasti e osteoblasti, lavorano costantemente per monitorare e mantenere il giusto livello di mineralizzazione ossea. In dettaglio:

  • gli osteoclasti riassorbono l’osso e demoliscono, così, piccole parti di tessuto vecchio e/o danneggiato;
  • gli osteoblasti ricostruiscono nuove parti strutturali dell’osso e diventano responsabili della mineralizzazione delle ossa.

Questo processo di continuo rinnovamento viene chiamato “rimodellamento” ed è regolato dalla calcitonina, dagli estrogeni, dal paratormone, dalla vitamina D, da diverse citochine e da altri fattori come la prostaglandine

Durante il corso della vita può capitare che si vengano a creare situazioni nelle quali le porzioni di osso riassorbite dagli osteoclasti siano superiori rispetto a quelle prodotte e ricostruite dagli osteoblasti; di conseguenza, la quantità di osso appena formato si rivela insufficiente per sostituire quella demolita e, se la situazione va per le lunghe, può essere causa principale di osteoporosi.

Come prevenire l’osteoporosi: 5 consigli utili

L’osteoporosi si può e si deve prevenire, anche perché si tratta di una malattia incurabile che, una volta manifestata, può essere solo arginata e rallentata. La prevenzione, quindi, può aiutare a iniziare trattamenti mirati fin dall’inizio, soprattutto da giovani: è in questa fase della vita, infatti, che si raggiunge il picco di massa ossea e si possono mettere da parte minerali essenziali per investirli in futuro. Una buona visita endocrinologica può essere il primo passo per prendere la malattia in tempo.

La prevenzione dell’osteoporosi è strettamente legata allo stile di vita ma, nei soggetti ad alto rischio frattura, si consiglia un’adeguata terapia farmacologica concordata con il proprio medico di fiducia e personalizzata sulla base delle caratteristiche ed esigenze specifiche del paziente.

Per quanto riguarda lo stile di vita, ecco 5 suggerimenti utili ed efficaci:

1. Assumere dosi adeguate di calcio e vitamina D

Il calcio e la vitamina D sono essenziali per il buon funzionamento delle ossa: infatti, lo scheletro umano contiene il 99% del calcio presente naturalmente nell’organismo. Per non farlo mancare mai, è importante prestare attenzione all’alimentazione: la dose quotidiana consigliata varia dai 500 mg (la minima) a 1100 mg, in base all’età.

Gli alimenti maggiormente ricchi di calcio sono il latte e i latticini, seguiti dal pesce azzurro e dall’acqua minerale. Da limitare, invece, l’uso di bevande contenenti alcool, teina e caffeina, che influiscono negativamente sul corretto assorbimento di calcio.

La vitamina D, dal canto suo, è importante per l’assimilazione del calcio e per la mineralizzazione dell’osso; una sua carenza può interferire con la deposizione del minerale nello scheletro e favorire, di conseguenza, l’osteoporosi.

Si consiglia di assumere, giornalmente, almeno 800 UI di vitamina D, tenendo presente che sono davvero pochi gli alimenti che la contengono, come uova, fegato, latticini e pesci grassi. Per fortuna, la vitamina D può essere introdotta nell’organismo anche attraverso i raggi solari e l’assunzione di validi integratori alimentari.

2. Praticare attività fisica

L’osteoporosi è incentivata dalla sedentarietà, quindi è sempre raccomandabile praticare attività fisica con regolarità in modo da stimolare il metabolismo osseo e ridurre il rischio di fratture. Nel frattempo, con l’esercizio anche le ossa si irrobustiscono, soprattutto in presenza di carico meccanico: il corpo, cioè, deve lavorare contro la forza di gravità. Per metterlo in pratica bastano una camminata o salire per le scale, non servono sport agonistici o stancanti.

esercizi utili osteoporosi

Molto utili anche danza e ginnastica che, se svolte con costanza, rafforzano i muscoli e lo scheletro, migliorano la coordinazione, l’equilibrio e i riflessi e contribuiscono a ridurre il rischio di cadute (e fratture).

Al contempo, si possono effettuare delle sedute di ossigenozonoterapia agli arti interessati, con l’obiettivo di irrobustirli e renderli più forti in caso di urti.

3. Mantenere il giusto peso

Prevenire l’osteoporosi vuol dire anche avere il giusto peso forma, dato che incide sullo sviluppo e il mantenimento della massa ossea: essere troppo magri implica caricare eccessivamente lo scheletro e indebolirlo, mentre essere sovrappeso vuol dire aumentare il rischio di diabete e di malattie cardiovascolari, assolutamente nocivi per le ossa.

4. Limitare l’assunzione di alcool

Alte quantità di alcool possono non solo aggravare l’osteoporosi, ma anche aumentare il rischio di fratture; l’alcool, infatti, inibisce gli osteoblasti (che producono nuove parti ossee) e stimola gli osteoclasti (che distruggono il tessuto osseo “vecchio), riduce l’assorbimento del calcio nell’intestino e abbassa la produzione di ormoni come gli estrogeni e il testosterone (entrambi importanti per la stimolazione della produzione dell’osso).

Chi beve più di 2 unità alcoliche al giorno, ovvero 24 gr di alcool, ha il 40% di rischio in più di incorrere in una frattura da osteoporosi. Pertanto, si consiglia di ridurre il quantitativo giornaliero e di assumerlo sempre a stomaco pieno.

5. Eliminare il fumo

Il fumo è fattore di rischio per tantissime malattie, e quelle legate allo scheletro non sono esenti. Esattamente come l’alcool, anche il fumo interferisce con il metabolismo osseo, inibisce l’attività degli osteoblasti, stimola quella degli osteoclasti e riduce la sintesi di testosterone ed estrogeni.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email
Share on print
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *